UNA STORIA PER L’ANIMA

LA RONDINE E LO SPAVENTA PASSERI

  Una volta una rondine fu ferita da un cacciatore. Quando arrivò l’autunno non poté così partire con le sue compagne verso i paesi più caldi. Per qualche tempo riuscì a sopravvivere con quello che trovava nei campi. Poi, terribile e gelido, arrivò l’inverno.

 

            Un freddo mattino, cercando qualcosa da mettere nel becco, la rondine si posò su uno spaventapasseri. Era uno spaventapasseri molto distinto, grande amico di gazze, cornacchie e volatili vari. Aveva il corpo di paglia infagottato in un vecchio abito da sera, la testa era una grossa zucca arancione, i denti erano fatti con granelli di mais, per naso aveva una carota e due noci per occhi.

 

            "Che ti capita rondinella?", chiese lo spaventapasseri, gentile come sempre. "Va male", sospirò la rondine. "Il freddo mi sta uccidendo e non ho rifugio. Per non parlare del cibo. Penso che non rivedrò la primavera".

 

            "Non avere paura. Rifugiati qui, sotto la mia giacca: la paglia è asciutta e calda". Così la rondine trovò una casa nel cuore di paglia dello spaventapasseri. Restava il problema del cibo. Era sempre più difficile per la rondine trovare bacche o semi.

 

             Un giorno in cui tutto rabbrividiva sotto il velo gelido della brina, lo spaventapasseri disse dolcemente alla rondine: "Rondinella, mangia i miei denti: sono ottimi granelli di mais". "Ma tu resterai senza bocca". "Sembrerò molto più saggio".

 

            Lo spaventapasseri rimase senza bocca, ma era contento che la sua piccola amica vivesse. E le sorrideva con gli occhi di noce. Dopo qualche giorno fu la volta del naso di carota. "Mangialo. E’ ricco di vitamine", diceva lo spaventapasseri alla rondine.

   

            Toccò poi alle noci che servivano da occhi. "Mi basteranno i tuoi racconti", diceva lui. Infine lo spaventapasseri offrì alla rondine anche la zucca che gli faceva da testa.

 

            Quando arrivò la primavera, lo spaventapasseri non c’ era più: si era sacrificato per far vivere la rondine.

 

CIAO RAGAZZI/E. STASSERA IL MIO SALUTO è QUESTO.

BUONA NOTTE

ROSAROSSA

Annunci

3 Risposte to “UNA STORIA PER L’ANIMA”

  1. Ciao Rosa, questa storia l’avevo letta sui libri di scuola di mio figlio piccolo. Quanto spirito di sacrificio da parte dello spaventapasseri! Pensa a come sarebbe bello e migliore il mondo se tutti quanti noi ci sacrificassimo un po’ di più per gli altri, un granello ciascuno basterebbe…..e molte altre persone potrebbero sorridere di nuovo!! Non mi ricordo dove ho sentito la frase "La massima espressione dell’amore non è in quello che siamo disposti a dare, ma in quello a cui siamo disposti a rinunciare per amore" E io concordo pienamente. Buon fine settimana tanti baciotti da Carla

  2. ciao rosa,come stai??…io bene mna stanca…oggi il primo giorno di scuola..hehe..ma kualè il tuo contatto?????..ti saluto ciao ..-la piccola vero-

  3. ciao rosabella questa storia non l’avevo mai letta,sn passata x augurarti un sereno week end…baci francy

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: